Dolomiti Network

Il Molignon e la via ferrata Laurenzi – escursione Dolomiti Network

Fassa Forum Forum Estate in Val di Fassa Escursioni Il Molignon e la via ferrata Laurenzi – escursione Dolomiti Network

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  OldFassaForum 2 settimane fa.

  • Autore
    Articoli
  • #5732

    OldFassaForum
    Amministratore del forum

    Dal vecchio Fassa Forum, post originario di Svizzy del 25.08.2011

     

    Un itinerario poco conosciuto in una zona del Catinaccio non troppo affollata. Premetto che il giro si puo fare anche in un solo giorno (essendo moooolto allenati ) ma per godersi con calma il tutto consiglio di spezzarlo in 2 giorni (come abbiamo fatto noi); le varianti sono molte, anche perchè la ferrata stessa puo essere percorsa in entrambi i versi. Il primo giorno la meta è il rifugio Alpe di Tires (2440 m.); partendo da Campitello ci sono 2 alternative:

    1) raggiungere il rifugio Micheluzzi (1850 m) utilizzando il bus navetta e di qui percorrere la splendida Val Duron lungo il segnavia 532 sino al Passo Duron (2188 m) dove si incontra il sentiero 594 che in 50 minuti di faticosa salita porta al rifugio (utilizzando il bus navetta 2h30 dal Micheluzzi).

    2) Salire al Col Rodella con la funivia, quindi percorrere il panoramico Sentiero Friedich August (segnavia n° 4) che costeggia la parete del Sassopiatto sino al Rifugio Sassopiatto (2301 m) (1h45 dalla stazione a monte della funivia). Da qui si imbocca il sentiero 594 che in 2h30 porta al Passo Duron e quindi al rifugio Alpe di Tires.

    Dal Rrifugio parte il sentiero 3a che consente di raggiungere il Passo Principe (2599 m) attraverso il Passo del Molignon (2595 m). Dopo circa 30 minuti di percorrenza si incontra il bivio che indica l’attacco della ferrata Laurenzi; si risale in breve ghiaione e si incontrano le prime corde.

    La conca del Molignon è davvero suggestiva, sopratutto di primo mattino, immersi nel silenzio piu assoluto circondati dalla Cima Valbona (2822 m) la Croda dei Cirmei (2900 m) e dal Catinaccio D’antermoia (3004 m). La Ferrata Laurenzi percorre l’aerea cresta del Molignon raggiungendone la vetta (2852 m).

    Caratteristica principale di questa via sono i lunghi tratti di cresta non attrezzati, piuttosto impegnativi psicologicamente. Il percorso è molto affascinante con vedute mozzafiato sia sul versante della Val Duron sia sulla Conca del Molignon. Inizialmente la cresta è abbastanza comoda ma ben presto si restringe e si alternano aerei passaggi attrezzati a lunghi tratti di facile arrampicata ma non assicurata. In circa 2h15 si giunge sulla cima del Molignon…senza aver incontrato nessuno! Una vera rarita’ ad agosto sui sentieri del Catinaccio! La discesa richiede ancora notevole impegno; si percorre ancora un comodo tratto di cresta per poi cominciare a scendere sfruttando una serie di cenge ghiaiose (ancora non attrezzate) sino ad incontrare nuovamente le corde. Inizialmente la pendenza è minima ma ben presto si giunge al “famoso” tratto finale: una parete di 30 m. verticale e in alcuni tratti leggermente strapiombante con pochissimi appoggi per i piedi. In realta’ il tratto davero duro sono gli ultimi 15 m., dove pero’ le corde sono ben tese e in aderenza si scende abbastanza agevolmente. Terminata la ferrata si scende un ripido ghiaione che ci porta nella vallata dell’Antermoia, a mio parere uno dei luoghi piu belli del Catinaccio, sbucando poco prima del caratteristico laghetto (1h30 dalla cima del Molignon). Seguendo il sentiero 584 in 10 minuti si giunge al rifugio Antermoia (2497 m). Per il ritorno ci sono molte alternative; per chiudere il giro ad anello tornando a Campitello, si imbocca il sentiero 580 sino al Passo delle Ciaregole (2282 m.). Da qui seguendo il segnavia 578 si scende in Val Duron ricongiungendosi al sentiero 532 che porta al Micheluzzi (2h15 dal rifugio Antermoia). A questo punto se stanchi ci si puo giustamente concedere il bus navetta per scendere a Campitello   chiudendo cosi un magnifico giro di 2 giorni.
    La ferrata percorsa nel verso descritto affronta i tratti attrezzati piu impegnativi in discesa, ma ha il vantaggio di fare quelli non attrezzati in salita.

     

    01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12

    Grazie @svizzy per questo bel racconto

    • Questo argomento è stato modificato 2 settimane fa da  OldFassaForum.
    • Questo argomento è stato modificato 2 settimane fa da  OldFassaForum.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

Vai alla barra degli strumenti