Dolomiti Network

Passo Sella Chiuso

Fassa Forum Forum Camera con vista Turismo Passo Sella Chiuso

Questo argomento contiene 32 risposte, ha 9 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Simone 2 settimane, 5 giorni fa.

  • Autore
    Articoli
  • #4384

    Anton
    Amministratore del forum

    Iniziamo subito con un argomento “caldo” che ci ha fatto discutere non poco anche già nel passato … anzi erano anni che ne parlavamo ed avevamo fatto anche dei sondaggi all’interno del forum, soltanto che nel passato la chiusura del Passo Sella era solo una minaccia, mentre ora è diventato realtà. Chi è stato in valle quest’estate non può non aver visto i mega cartelli di chiusura del Passo Sella

    passo-sella-chiuso

     

     

     

     

     

     

     

     

    Ne ho discusso anche su Facebook e sul mio blog con un articolo l’anno scorso quando era stato trovato l’accordo da parte dei politici circa la chiusura del passo (eccolo: http://www.antonsessa.com/estate-2017-passo-sella-chiude/) ed un secondo articolo scritto pochi giorni fa che è più un analisi di marketing (questo: http://www.antonsessa.com/passo-sella-chiuso/).

    Voi cosa ne pensate dell’idea?

    P.S.
    stanno pensando di chiudere anche il Passo Costalunga l’anno prossimo … ed ho già creato un gruppo su FB per cercare di evitare il peggio: https://www.facebook.com/groups/132413894045421/

     

    • Questo argomento è stato modificato 10 mesi, 2 settimane fa da  Anton.
    • Questo argomento è stato modificato 10 mesi, 2 settimane fa da  Anton.
    • Questo argomento è stato modificato 10 mesi, 2 settimane fa da  Anton.
  • #4423

    Luca
    Partecipante

    Tema spinoso….

    Personalmente quando ho saputo della chiusura non mi ero fatto un’idea precisa se fosse una cosa buona o meno. Egoisticamente parlando 🙂 gli orari di apertura|chiusura del passo erano “escursionisticamente”  innocui…nel senso che transitavo sicuramente prima delle 9. Mi sembra di aver letto che tutto sommato la serie di eventi organizzati in quei giorni al Sella hanno avuto un buon successo….a questo ci aggiungo che in effetti, transitando dopo l’apertura pomeridiana, ho notato che non si incappava nella solita fila prima di Canazei (che a volte parte dal tornante 7  o 8!),….quindi anche questo è un punto a favore.  Io la vedo cosi’….se vogliamo bene a questi ambienti che gia’ tanto stanno pagando al turismo, possiamo pure regalargli un giorno alla settimana di respiro, no? Poi si puo’ discutere sulla formula e dettagli vari, ma il principio confesso che non mi dispiace. Se fosse allargato l’esperimento anche ad altri passi a me andrebbe bene.

    Sono molto curioso di leggere altre risposte….

  • #4444

    Marco
    Partecipante

    Bah…come in tutte le cose, si possono trovare lati positivi e lati negativi…ma se ho capito bene la chiusura si applica in orario centrale..ma solo un giorno su sette….

    Dai primi resoconti, che si dice?

    Questa decisione ha portato vantaggi concreti?

    Le cose vanno fatte bene e con criterio

    Marco
    <p style=”text-align: right;”></p>

  • #4453

    Antonio
    Partecipante

    Tema affrontato varie volte già in passato. Se la chiusura del Sella 1 giorno alla settimana e con orario parziale può essere “sopportato” (anche se mi sembra del tutto inutile…) quella progettata del Costalunga mi sembra del tutto demenziale. E’ un passo fondamentale di comunicazione tra la VDF e il Brennero. Tra la VDF e Bolzano, città con cui (volere o volare) c’è una forte componente di tipo commerciale e non solo (specie ora che l’Ospedale di Cavalese viene progressivamente depotenziato, altro demenziale provvedimento).

    Non vorrei che sia pure in modo progressivo si limiti la circolazione in tutta la zona…Sella, Costalunga..e poi? Pordoi, Fedaia, San Pellegrino… Prima d’estate, poi in inverno…

  • #4896

    Anton
    Amministratore del forum

    Come immaginavo, adesso che ci sono i dati, la chiusura del Passo Sella è stato un flop: http://www.ildolomiti.it/societa/un-flop-la-chiusura-di-passo-sella-poche-persone-e-tanti-danni-economici-e-di-immagine

     

  • #4898

    franco
    Partecipante

    Interessante disamina, magari un pò di parte. Abbiamo riscontri da chi ha voluto la chiusura del mercoledì? Come ha detto bene Marco nei post precedenti le cose fannno fatte bene e con criterio, ma in questo caso non so…..Saluti a tutti. Franco

  • #4910

    Marco
    Partecipante

    Caspita….di fronte a dati oggettivi così precisi….il risultato è stato veramente mortificante…ma come avevo anticipato, simili decisioni vanno prese dopo studi e risultati concreti.

    Immagino che la formula, se mantenuta…andrà cmq rivista..

    Poi quei pullman…avanti e indietro…con tanti ciclisti…ma ragazzi..la sicurezza…

  • #4912

    Luca
    Partecipante

    Dati interessati e che meritano piu’ di una riflessione, anche se concordo con Franco,mi sembra un  analisi un po di parte. Dal mio punto di vista non è tanto in discussione l’idea delle chiusure, quanto le modalita’.

  • #5510

    Anton
    Amministratore del forum

    Vi aggiorno sulla situazione Passi Chiusi con un comunicato stampa del Comitato per la salvaguardia dei passi dolomitici che è nato in seguito alla chiusura del passo Sella questa estate:

    Comitato per la salvaguardia dei passi dolomitici
    c/o Osvaldo Finazzer – Passo Pordoi
    Tel 0462/602121
    Fax 0462/602642
    Email: finazzer@tin.it

    Comunicato stampa
    Chiusura del Passo Sella.
    Ricorso contro il provvedimento del Ministero Infrastrutture e Trasporti

    Il Comitato per la Salvaguardia dei Passi Dolomitici ha dato incarico al proprio legale di presentare un ricorso contro il parere favorevole del MIT alla chiusura della strada Statale 242.

    In data 28 aprile 2017 il Ministero Infrastrutture e Trasporti, a seguito richiesta presentata dalle Province di Bolzano e di Trento, esprimeva parere favorevole alla chiusura della SS 242 ai sensi del D. Lgs. 46/2016. A seguito di questo parere le due Province hanno deliberato la chiusura della strada, delibera contro la quale il Comitato ha fatto ricorso si due Tar regionali.

    Il Comitato è riuscito ad ottenere copia del parere ministeriale in tempo utile prima che scadessero i termini per il ricorso. Il parere ministeriale pare pieno di imprecisioni formali e sostanziali, è stato assunto senza che il commissario del Governo di Trento ne fosse informato e senza il parere della Regione Veneto, nonostante la SS 242 sia una strada statale con valenza sovra regionale.

    Il Ministero, nel formulare tale parere, avrebbe dovuto procedere a una istruttoria trifasica tesa a verificare l’idoneità del provvedimento, la sua necessità e la sua adeguatezza; inoltre, avrebbe dovuto offrire una congrua motivazione, aspetti che invece sono stati del tutto trascurati. L’istruttoria non è stata fatta e la motivazione del parere ministeriale è lacunosa, incompleta, illogica e contraddittoria. L’esame del provvedimento ha fatto emergere le sue carenze e i vizi di illegittimità, vizi che se confermati dai giudici renderebbero illegittime anche le ordinanze adottate dalla Provincia di Trento e Bolzano di chiusura del traffico.

    In tutto questa vicenda va evidenziata l’estrema difficoltà incontrata dal Comitato per la salvaguardia dei Passi Dolomitici ad ottenere copia dei provvedimenti assunti, provvedimenti che dovrebbero essere pubblici e facilmente accessibili ai cittadini. Si è dovuti ricorrere al Respondabile della Trasparenza del Ministero delle Infrastrutture per ottenere quanto la legge esplicitamente richiede.

    Un sentito ringraziamento all’On. Riccardo Fraccaro del Movimento 5 Stelle che ci ha aiutato in questa battaglia per la trasparenza, legalità ed i diritti dei cittadini.

    Passo Pordoi, 11 novembre 2017

  • #5511

    Marco
    Partecipante

    che amarezza…

    Solita storia, soliti meccanismi…

    Solite perplessità, insomma solita Italia…

  • #7033

    franco
    Partecipante
  • #7034

    Marco
    Partecipante

    Forse per la ..registrazione….presso il Lupo Bianco….si formerà una coda fino a Ora….tra quelli che devono andare a ..registrarsi….e quelli gia autorizzati…che possono transitare…

    Faranno due corsie????

    🤔🤔

    Bah….

  • #7036

    Anton
    Amministratore del forum

    E sono anche pagati per pensare a queste cagate …

     

  • #7037

    Marco
    Partecipante

    Va a finire che invece di migliorare si crea un caos  terribile…

    Che la studino con criterio e buon senso…

  • #7039

    Anton
    Amministratore del forum

    Criterio e buon senso??? Sono spariti da un pezzo …

    • #7045

      Simone
      Moderatore

      pazzesco veramente…

      così poi si crea la “gara di formula 1” per prendere in testa la strada ed essere i primi a poter passare

  • #7040

    Marco
    Partecipante

    …hai ragione Anton….

    Purtroppo quelli che non spariscono mai..sono gli artefici di queste orribilanti decisioni..☹️☹️

  • #7046

    Torrigiani antonella
    Partecipante

    Buongiorno a tutti

    verissimo! Penso proprio che Si creerà un gran putiferio

  • #7085

    Anton
    Amministratore del forum

    Ecco la genialata dell’anno … 300 vetture al giorno che devono però togliersi dalle pa**e entro un ora: http://www.lavocedelnordest.eu/passo-sella-tornano-mille-polemiche-le-limitazioni-al-passo

     

    • Questa risposta è stata modificata 3 settimane, 4 giorni fa da  Anton.
  • #7087

    Simone
    Moderatore

    a questo punto era meglio il giorno di chiusura settimanale come anno con fascia oraria.questa è proprio follia

  • #7089

    Paolo Pierobon
    Partecipante

    Ciao a tutti!

    Sono un ambientalista per mie idee, l’ambiente va curato e mantenuto e trattato con cautela.

    Fatto questo cappello introduttivo vi dico che sono CONTRO alla chiusura del Sella per vari motivi:

    -Dolomiti=turismo…se chiudono il Sella il flusso turistico crolla, le persone si arrabbiano e ci verranno di meno, il Sella è uno dei passi dolomitici principali e pensano a chiuderlo, ma…le attività del passo, come anche diceva Anton, possono quasi chiudere, il flusso di persone calerà notevolmente….e rovinano l’immagine della zona…genialata proprio…

    -chiudere un passo o limitarne l’accesso vuol dire aumentare il traffico sugli altri, quale è il vantaggio?

    -si preoccupano della chiusura dei passi, ma spostiamo la discussione su un altro fronte…gli orari degli impianti. Bene, a Vigo al Ciampedie in modo molto intelligente lasciano la funivia aperta fino alle 18 per permettere così anche escursioni lunghe e non limitare le possibilità per chi vuol far giri lunghi o per chi ha bambini piccoli.

    Fatta questa premessa, vorrei proprio capire perché, ad esempio, la funivia del Col Rodella come tante altre chiude alle 17:30…perché così presto? Chi fa il giro del Sassolungo o del Sassopiatto deve fare corse contro il tempo, una mezz’ora in più è molto meglio. Detto ciò, ora che vogliono chiuderci il Sella perché non hanno iniziative per favorire l’area per esempio con eventi ed aperture serali della funivia? Farebbero probabilmente un gran successo…

     

    Altro punto…funivia Sass Pordoi…ora CHIUSURA ALLE 17…ma si può?! Il Gruppo del Sella è un paradiso, offre fantastiche possibilità escursionistiche con giri belli, difficili e lunghi, ma se mannaggia chiudono alle 17 non ci si può fermare nemmeno a fare una foto se si fa un giro lungo….mi chiedono perché non la chiudono alle 18…trarrebbero solo vantaggi e sicuramente chi fa giri lunghi sarebbe incentivato a farli…

    @anton hai idea da chi arriva questa idea geniale del passo Sella chiuso? (Immagino politici Che non considerano i danni economici locali)

    E per gli orari degli impianti? Sarebbe forse opportuno organizzarsi per farli cambiare…

     
    <p style=”text-align: left;”></p>

  • #7091

    Marco
    Partecipante

    Ciao Paolo

    Condivido tutte le tue considerazioni..e purtroppo sugli orari delle funivie..ne parlai circa 20 anni fa…con personalità anche locali…ma mi risposero che estendere gli orari di chiusura avrebbe solo aumentato i costi di gestione e non sarebbe stato conveniente…

    Che dire??!!

  • #7092

    Qwerty
    Partecipante

    Io lascerei ben volentieri l’auto giù, ma a queste condizioni:

    Tipo una bella estensione degli orari degli impianti (può fare la differenza, almeno per me) e a patto di avere qualche impianto in più funzionante (che so, Rodella-Des Alpes, Lupo Bianco etc). per avvicinarsi al passo e risparmiarsi certe corse a perdifiato per di più con salite impegnative al ritorno; in questo modo le gite non si trasformano in maratone per raggiungere il rifugio, ingozzare un piatto, non fare neanche una foto durante il cammino e ritornare di corsa indietro: è una vacanza o devo infartare o fare infartare qualche amico/amica con qualche anno in più sulle spalle per prendere l’ultima corsa?

     

    • #7094

      Paolo Pierobon
      Partecipante

      Sono pienamente d’accordo, io sono giovane e posso permettermi certe corse nel limite del possibile ma per coloro che sono sopra una certa età e vogliono fare passeggiate lunghe impegnative fare foto e pranzare diventa impossibile…

  • #7093

    Paolo Pierobon
    Partecipante

    Ciao Marco

    Si, vero, possono benissimo inserire pause alle ore di pranzo o semplicemente ridurre le corse pomeridiane e i costi sono sempre uguali…

    Il discorso è perché al Ciampedie è aperto fino alle 18? Allora se sanno darci una risposta che giustifica la chiusura anticipata degli altri impianti va bene, ma se la risposta sono i costi significa che le motivazioni sono altre…

  • #7095

    Marco
    Partecipante

    ….senti senti…

    Le statistiche dicevano che l ‘80% dei turisti, si affollavano per riprendere gli impianti, tra le 15,30 e le 16,30….

    E ti credo…se chiudi alle 17_17,30…

    In altre zone delle Dolomiti, gli orari di discesa a volte sono anche le 18,30 ( per consentire giustamente ai turisti di raggiungere gli alloggi per cena…) e in alcuni casi, udite udite, fino alle 23, per dare la possibilità di ammirare lo spettacolo di un tramonto e godere di una cena tipica al rifugio

    Io c’ero…e l’ho fatto

    Altro che costi di gestione….

     

  • #7096

    Marco
    Partecipante

    …per esempio..

    ORARI DAL 30 GIUGNO AL 9 SETTEMBRE

    Tratto Molveno – Pradel (1° tronco)
    orario continuato dalle 8.00 alle 18.45 (e dalle 20.00 alle 23.00 solo il venerdì)
    Tratto Pradel – Crozz dell’Altissimo (2° tronco)
    orario continuato dalle 8.15 alle 18.30 (e dalle 20.15 alle 22.45 solo il venerdì)

    … già potrei immaginare la risposta…

     

    • #7098

      Paolo Pierobon
      Partecipante

      Marco sono semplicemente più furbi dei fassani sotto questo punto di vista…

      Direi che tenere aperti gli impianti con quegli orari è una gran manovra a favore degli escursionisti ma anche di chi vuole vedere in quota il tramonto o le stelle…

      Semplicemente ci saranno motivazioni politiche alla base di questa scelta che personalmente ritengo molto stupida e di poco aiuto nel valorizzare le Dolomiti

  • #7097

    Qwerty
    Partecipante

    Ecco, tanto per dire!

  • #7099

    Marco
    Partecipante

    Immaginate una bella cena tipica al rifugio…..senza fare nomi…appena usciti dalla funivia Col Rodella….

    E lo spettacolo del tramonto da una delle terrazze più belle del mondo…

    3 minuti a piedi…

    Bah..

  • #7100

    Paolo Pierobon
    Partecipante
  • #7118

    Anton
    Amministratore del forum

    Comunicato ufficiale della provincia: Vivere il fascino delle Dolomiti in modo responsabile, ecologico e sostenibile

    È la sfida raccolta da Trentino e Alto Adige che dalla scorsa estate hanno promosso il progetto #Dolomitesvives. L’obiettivo per il 2018 è di ridurre il traffico individuale sul Passo Sella del 20 % e sensibilizzare i visitatori ad una mobilità sostenibile per contribuire alla valorizzazione e tutela del territorio delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO.

    L’accesso al Passo Sella verrà regolamentato dal 23 luglio al 31 agosto, da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 16. L’area interessata si estende dall’incrocio/bivio Miramonti (SS242/SS243) in Val Gardena a Pian de Schiaveneis vicino all’incrocio Passo Pordoi/Passo Sella (SS242/SS48) in Val di Fassa.

    Nello spirito di #Dolomitesvives siete quindi invitati a lasciare il vostro automezzo nei parcheggi di fondovalle e a raggiungere il Passo Sella con i mezzi pubblici, gli impianti di risalita, in bici o a piedi. In questo modo potete offrire il vostro prezioso contributo alla protezione di questo patrimonio naturale unico.

    La linea 471 del trasporto pubblico collega la Val Gardena e la Val di Fassa ogni 30 minuti e la Val Badia ogni ora con il Passo Sella. Info e biglietti su http://www.sii.bz.it

    Con gli impianti di risalita si può raggiungere il Passo Sella dalla Val di Fassa con la funivia del Col Rodella da Campitello di Fassa e poi a piedi lungo i segnavia 529 e 557; dalla Val Gardena con la telecabina Piz Seteur da Plan de Gralba e poi lungo il segnavia 657, con la telecabina Ciampinoi da Selva Valgardena e poi lungo i segnavia 21, 21A e 526, con le seggiovie Monte Pana e Mont de Seura da S. Cristina e poi lungo i segnavia 526B, 528, 526.

    A piedi si può raggiungere il Passo Sella dalla Val di Fassa da Canazei seguendo il segnavia 655 (ore 3, dislivello 800 metri circa) e dalla Val Gardena da Plan de Gralba seguendo il segnavia 657 (ore 2, dislivello 400 m circa), da Selva Valgardena seguendo i segnavia 21 e 526 (2,5 ore, dislivello 614 m circa), da S. Cristina seguendo i segnavia 30, 528, 526 (3,5-4 ore, dislivello 800 m) e da Ortisei seguendo la passeggiata della ferrovia fino a S. Cristina e poi i segnavia 30B, 23, 528 e 526 (6,5 ore, dislivello 1013 m circa).

    Per accedere al Passo Sella con veicoli privati durante il periodo del progetto è necessario avere il DOLOMITESVIVES PASS, un’autorizzazione gratuita ottenibile tramite l’APP o la pagina web OPENMOVE o direttamente presso i punti d’informazione #Dolomitesvives. Questi ultimi saranno disponibili dal 23 luglio al 31 agosto 2018, da lunedì a venerdì, dalle ore 9 alle 16, nelle seguenti postazioni:
    – a S. Cristina (Val Gardena) in Str. Ruacia nel parcheggio accanto alla funivia Saslong
    – a Plan de Gralba (Val Gardena) nel parcheggio vicino alle funivie Piz de Sella e Piz Seteur.
    – a Canazei (Val di Fassa) in Via del Piz nel parcheggio di fronte alle funivie Belvedere e Sass Pordoi
    – ad Alba di Canazei (Val di Fassa) in Via de Contrin presso il parcheggio della funivia Ciampac
    – a Mazzin (Val di Fassa) nel parcheggio vicino all’Ufficio turistico
    – in località Lupo Bianco (Canazei, Val di Fassa) nel parcheggio a fianco all’Hotel Lupo Bianco

    DOLOMITESVIVES PASS può essere richiesto per una fascia oraria definita tra le 9:00 e le 16:00 di un determinato giorno, ad es. per la salita al passo nella fascia oraria 10:00-11:00.
    Il numero di veicoli che possono accedere al passo ogni ora, sia dal lato della Val di Fassa, che dalla Val Gardena, è limitato. La fascia oraria dell’autorizzazione si riferisce all’orario di salita al passo. La discesa dal passo è possibile in ogni momento. DOLOMITESVIVES PASS può essere richiesto il giorno precedente o il giorno stesso dell’accesso al passo.

    ECCEZIONI:
    • Gli ospiti che soggiornano nelle strutture ricettive sul Passo Sella, non devono richiedere il DOLOMITESVIVES PASS. Essi possono accedere al passo nel giorno di arrivo a qualsiasi ora mostrando al punto di controllo la conferma di prenotazione. All’arrivo in albergo riceveranno un DOLOMITESVIVES PASS valido per tutta la durata del soggiorno.
    • Le seguenti categorie potranno passare in qualsiasi momento, senza bisogno del DOLOMITESVIVES PASS: pedoni e ciclisti, servizi TPL, mezzi di soccorso, disabili, veicoli agricoli, fornitori, servizi tecnici per interventi, autobus turistici, veicoli a trasmissione elettrica (non ibridi).
    • Le seguenti categorie riceveranno su richiesta un permesso speciale ai punti informativi: proprietari, locatari ed impiegati delle strutture ricettive nella zona designata, servizi di taxi e autonoleggi con conducente e tutti coloro che regolarmente percorrono il Passo Sella per motivi professionali o di salute.

    Le informazioni dettagliate del progetto saranno disponibili sul sito http://www.dolomitesvives.com

  • #7124

    Simone
    Moderatore

    grazie Anton

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

Vai alla barra degli strumenti